La carta fotografica

Nell’ultimo post pubblicato nel blog, vi avevo annunciato che stavo facendo delle ricerche per la carta fotografica per la stampa in camera oscura; in pratica ho trovato dal “Fotografo Analogico Old Style” dove di solito mi reco per notizie e altro, un pacco di carta fotografica Ilford, la Multigrade IV RC DeLuxe. Si tratta di una carta politenata, multigrade, cioè è una carta fotografica a contrasto variabile su supporto politenato. Si può utilizzare con filtri manuali, con teste a colori o con il sistema professionale MG 500/600. La nuova emulsione ha bianchi purissimi e neri profondi e copre tutte le gradazioni da 0 a 5.
La differenza con le carte baritate è notevole e porta, specie per chi è all’inizio, dei vantaggi enormi, a cominciare dalla superficie, che non asorbendo eccessivamente, asciuga in modo più rapido, e anche per il pregio di non arricciarsi durante l’asciugatura.
Le operazioni prima dello sviluppo devono svolgersi necessariamente in camera oscura o ambiente buio, con la sola luce di sicurezza (la Ilford suggerisce la lampada Ilford SL1 o altra lampada munita di filtro 902 – marron chiaro), Kodak OC o altro equivalente. In ogni caso non superate la potenza di 15 Watt, e tenete la luce ad almeno 1 metro di distanza dalla carta.
Prima di procedere con lo sviluppo dovete avere per forza almeno tre bacinelle a bordo basso (personalmente preferisco averne quattro), più grandi della misura della carta impiegata, ma senza esagerare, poichè altrimenti ci sarà spreco dei chimici.
Nella prima bacinella si verserà il chimico di sviluppo, nella seconda acqua (demineralizzata), e nella terza il chimico di fissaggio; avendone quattro nell’ultima ci sarà sempre acqua demineralizzata.
Altra cosa importante: bisogna avere delle pinze per maneggiare la carta fotografica quando viene messa nei chimici, sia perchè è meglio non mettere le mani nelle soluzioni, sia perchè eviteremo di lasciare le nostre impronte sopra.
Particolare: bisogna avere una pinza per vaschetta, per evitare che i chimici vengano inquinati precocemente. Le fasi saranno: sviluppo, lavaggio veloce in acqua, fissaggio, lavaggio finale e lungo in acqua.
I tempi: dipende tutto dai chimici che volete usare e dalla diluizione, dalla temperatura dei bagni (considerate che la temperatura ideale è di 20 °C), e da ciò che dobbiamo stampare. Usando Ilford, e diluendo 1/9 (una parte di chimico su nove parti di acqua), lo sviluppo si fermerà a circa 90 secondi; il fissaggio invece avrà un tempo di circa tre minuti.
Il lavaggio finale in acqua fatelo per circa 1o minuti.
Per il momento è tutto, ma continuate a seguirmi… vedrete l’uso che farò della carta fotografica e come verrà stampata.
Ciao.

IMG_4357 (Custom)

IMG_4358 (Custom)

IMG_4359 (Custom)

IMG_4360 (Custom)

IMG_4361 (Custom)

IMG_4364 (Custom)

IMG_4365 (Custom)

IMG_4366 (Custom)

IMG_4367 (Custom)

IMG_4368 (Custom)

Guardate questa scatola… vi svelerò tutto prossimamente…

IMG_4369 (Custom)

Guardate questa scatola… vi svelerò tutto prossimamente…

IMG_4370 (Custom)

Guardate questa scatola… vi svelerò tutto prossimamente…

1469 Total Views 1 Views Today