Temporizzatore per sviluppo e ingranditore

Ciao, e ben trovati.
Vorrei parlarvi di un apparecchio che ho sviluppato ultimamente, e che mi ha risolto alcuni problemi, sia sviluppando il bianco-nero, e adesso anche col comando dell’ingranditore.
Quando sviluppo con la tank, preferisco concentrarmi sul lavoro che sto facendo, e tenere anche il tempo con un cronometro, a volte è causa di distrazioni.
In pratica, utilizzando questo PLC (Controllore a logica programmabile), posso anche distrami, perchè è lui il direttore d’orchestra; il programma è strutturato in questo modo.
Quando sono pronto, col rullino da sviluppare già all’interno della tank, e con i chimici già dosati nei rispettivi contenitori, faccio partire l’apparecchio con il comando start e il comando sviluppo: durante tutto il tempo (regolabile) sarà questo controllore a dettarmi i tempi di agitazione e riposo, evidenziato dai LED e volendo anche dal cicalino.
Una volta terminato il tempo dello sviluppo, aziono il comando lavaggio, e vuoto la tank dal chimico di sviluppo per riempire la stessa tank di acqua e agitare alcune volte.
Poi aziono il comando fissaggio. e comincio il bagno di fissaggio, sempre con i tempi dettati dal controllore; al termine mi indicherà che è giunto il momento del lavaggio finale, e anche questa volta azionerò il comando lavaggio finale, che mi porterà ad avere il rullino sviluppato e sempre con i tempi rigorosamente scanditi.
Ma questo apparecchio mi dà una mano anche in fase di stampa tramite l’ingranditore.
Prima di fare una stampa, per non sprecare della carta fotografica inutilmente, bisogna fare dei provini con delle striscie di carta operando in questo modo: si regola il diaframma dell’obiettivo a f8, poi lavorando in luce rossa, si mette una striscia di carta e si spegne l’ingranditore.
Si sposta il filtro rosso e si accende la lampada dell’ingranditore per 2 secondi.
Si maschera con una striscia di carta opaca alla luce una porzione della carta appena esposta e si accende la lampada per altri 2 secondi; si mascera anche questa parte e si accende per 4 secondi; stessa cosa anche adesso… si mascheranno le prime 3 parti e si espone ora per 8 secondi.
Infine per l’ultima parte si espone alla luce dell’ingranditore per 16 secondi.
Sembra difficile, ma una volta provato si va abbastanza veloci.
Quindi prendiamo la striscia di carta e sempre in luce rossa andiamo a sviluppare e fissare…
Ci troveremo quindi con un fotogramma esposto a gradini, nel quale vedremo i diversi livelli partendo da un livello più chiaro (esposto per soli 2 secondi) a un livello più scuro esposto per il totale dei secondi (2+2+4+8+16) per un totale di 32 secondi, passando per 4, 8, e 16…
In pratica il mio PLC si occupa di gestire i tempi dei provini accendendo la lampada con i tempi programmati; ma non solo…
Una volta che avremo deciso che tempo impiegare per la stampa, ricordandoci che 2+2+4 non da sempre 8… infatti una cosa è accendere la lampada a intervalli, una cosa è tenerla accesa di continuo, per cui il tempo di 8 secondi magari potrebbe anche essere 7 o 6… saremo noi a impostarlo sul display e poi, una volta azionato lo start, il controlore farà il resto.
Ovviamente questo apparecchio non ha la pretesa di un estetica accattivante, poichè bisogna ricordare che è un apparecchio sperimentale e provvisorio; ma il suo lavoro lo fa egregiamente!
Ora vi lascio e vi mostro alcune foto dell’apparecchio… se a qualcuno interessa io sono qua!
Ciao!

IMG_0559 (Custom) IMG_0560 (Custom) IMG_0561 (Custom) IMG_0562 (Custom) IMG_0563 (Custom) IMG_0564 (Custom) IMG_0565 (Custom) IMG_0566 (Custom) IMG_0567 (Custom) IMG_0568 (Custom) IMG_0569 (Custom) IMG_0570 (Custom) IMG_0571 (Custom) IMG_0572 (Custom) IMG_0573 (Custom) IMG_0574 (Custom)

692 Total Views 1 Views Today