La fotografia e i social network

Follow on Bloglovin
facebook
Logo Twitter
flickr-logo
La fotografia e i social network

 

Ciao a tutti e grazie di essere qui! Questo post prende spunto da un evento successo su un social network, e tra breve vi spiegherò perchè.

Ho riflettuto sull’accaduto, e sono giunto alla conclusione che se da un lato i social possono essere un potentissimo strumento di comunicazione e di aggregazione di persone anche distanti tra loro, a volte si innesca un meccanismo per cui una frase buttata lì senza nessuna cattiveria o malizia, se arriva alla persona sbagliata crea una situazione di disagio; questo poi può sfociare in un atteggiamento anche arrogante, se la persona colpita in quel momento pensa che gli si sta andando contro.

Questo discorso è valido in tutti i campi, ma ciò che ho notato è la frequenza molto alta nei gruppi frequentati da fotografi o pseudo tali.. o forse perchè sono i gruppi che visito maggiormente. Ovviamente la colpa non è dei social, ma di chi li frequenta, e dalla mancanza di umiltà e autoironia.

Ovviamente questo non succedeva tempo fa, quando la condivisione di fotografie avveniva nelle associazioni fotografiche, nelle mostre o tra gruppi di amici. La tecnologia è stata così invasiva che ha permesso a chiunque di fotografare, o per dirla in un altro modo di “acquisire immagini”, e con la stessa velocità del click dello scatto è possibile condividerla col mondo intero.

Naturalmente, tra fare fotografia e “acquisire immagini” con un apparecchio come un tablet, la differenza è notevole; è vero che il mezzo non fa la fotografia, ed è anche vero che ci sono fior di Fotografi che hanno fatto e fanno fotografia con un “telefonino”, ma non mi sto rivolgendo a loro… mi rivolgo a chi usa questi strumenti alla stregua di un fucile in mano a un cecchino.

Ogni occasione è buona per premere il pulsante, anche questo virtuale, e ottenere immagini, siano selfie, siano piatti con cibo, o anche l’ultimo taglio dei capelli appena uscite dal parrucchiere, ma anche la foto al fiore che è spuntato in giardino. Se poi manca l’umiltà il piatto è servito!

Ma ora vi racconto cosa è accaduto. Due giorni fa ho postato in un gruppo alcune foto fatte con la Sardinian Camera, fotografie che ho scansionato senza nessun ritocco fotografico come sempre faccio. Il post oltrettutto l’ho messo per far capire che gestire la gamma tonale in bianco e nero con la Sardinian è assai arduo: è facile bruciare le alte luci o perdere dettagli nelle ombre… oltre a ciò operando esclusivamente in manuale, su carta, e sviluppando con la stessa fotocamera.

Subito dopo compare una notifica al mio post e mi si dice che avevo sbagliato orario per fotografare. Rispondo e dico soltanto che avevo fatto alcune verifiche e anche in orari diversi si presentavano altri problemi.

Mi arriva un’altra notifica e mi si dice che devo regolare il contrasto della foto, perchè è proprio quello che mi dà profondità… (???). Rispondo che forse non conosce il genere di fotografia che faccio, e che non ritocco mai le foto, soprattutto su carta e che le foto originali in ogni caso rendono meglio che sullo schermo. Aggiungo che le foto sono fate sul posto e non è possibile fare ritocchi o altro… e chiudo l’intervento con la frase: Fotografia pura per puristi.

Non l’avessi mai scritto!! Risponde subito con questa frase: io rispetto gli altri purchè non venga presa per stupida. Rimango di stucco e mi chiedo dove ho sbagliato, e mentre me lo chiedo, subito mi invia il negativo e un positivo ottenuto dallo stesso per inversione, e mi fa notare che sono la stessa foto, non riuscendo a capire che io lavoro su carta e non su file! Assurdo!

Per farla breve cerco di spiegarle la situazione, anche coi link ai miei blog fotografismo e sardinian camera, ma la stessa mi chiude con un post senza volere nessun’altra spiegazione. Per farvi capire a che livelli di straffottenza e ignoranza si può arrivare, soprattutto non conoscendo l’argomento del quale si parla, ho deciso di mostravi gli screen-shot della conversazione, naturalmente oscurando tuti i riferimenti alla persona in questione, anche se poi non io non ho offeso o denigrato nessuno… anzi ha fatto tutto da sola.

Ricordiamoci sempre chè l’umilta paga sempre, e come ha detto oggi un amico, molto spesso anche chi sembra non valga nulla potrebbe avere qualcosa da insegnarci. Vi lascio agli screen shot e vi saluto… vi aspetto sempre qui. Ciao! 

2015-06-14 - 22.46.33 - (1)-blog 2015-06-14 - 22.46.50 - (2) -blog 2015-06-14 - 22.47.07 - (3) -blog 2015-06-14 - 22.47.29 - (4) -blog

1245 Total Views 1 Views Today